Inquinamento domestico
 soluzioni intelligenti in cucina 


Il gas

Tutte le volte che accendiamo una fiamma abbiamo l'emissione, nell'ambiente, di sostanze combuste (bruciando, il gas si trasforma prevalentemente in vapore acqueo e anidride carbonica). Se gli ugelli non sono ben puliti o la fiamma non ben regolata si può avere l'emissione di sostanze provocate da una non completa combustione come il mortale monossido di carbonio o i pericolosi ossido e biossido di azoto che si formano in conseguenza delle elevate temperature raggiunte.
Oggi sono in commercio piani di cottura a gas che ne bloccano la fuoriuscita qualora la fiamma si spenga per qualche motivo.

Il vapore acqueo derivante in parte dalla combustione ed in parte dalla cottura dei cibi non è di per se dannoso; depositandosi sulle pareti crea però l'ambiente ideale per la proliferazione di muffe e microrganismi in genere.
Le muffe non sono dannose solo alle persone allergiche ma possono divenire elementi sensibilizzanti per tutti. Non va poi sottovalutata la combinazione del vapore acqueo con altre sostanze presenti nell'aria (ad esempio gli ossidi di azoto) che dà origine a composti nocivi.
Buona cosa è arieggiare spesso la cucina o utilizzare una cappa aspirante con scarico all'esterno. Poco utili sono invece le cappe filtranti che raccolgono principalmente particelle di unto ma non eliminano i gas nocivi e rimettono in circolo l'aria viziata. Se non vengono pulite spesso ed i filtri di depurazione non vengono regolarmente sostituiti possono, a loro volta, creare ambienti ottimali per la proliferazione di microrganismi e batteri.


L'acqua

Anche l'acqua per uso domestico può contenere sostanze inquinanti come metalli (piombo, nichel, ecc.) provenienti dalle tubature e batteri di vario tipo.
Sono eventualmente in commercio sistemi di filtraggio, anche poco costosi, che garantiscono una qualità dell'acqua decente (almeno quella che beviamo).


I mobili

Se diamo un'occhiata ai mobili della cucina, ci accorgeremo che, nella maggioranza dei casi, sono fatti in legno pressato o truciolare. In entrambi i casi vengono usati, per tenerli assieme, collanti sintetici a base di formaldeide: sostanza fortemente irritante per la pelle, gli occhi e le vie respiratorie e sospettata di essere cancerogena. A temperatura ambiente libera vapori tossici che contaminano l'aria.
Soprattutto nel caso di mobili nuovi si raccomanda di lasciare per qualche tempo ante e cassetti aperti e di arieggiare bene il locale per impedire il ristagno della formaldeide.
Un'alternativa potrebbero essere i mobili in legno massello che però sono generalmente molto costosi. In questo caso bisogna accertarsi che non siano stati trattati con pesticidi per impedirne l'attacco da parte degli insetti ma si siano utilizzate solo cere, tinture o lacche naturali.


Il frigorifero

Questo ormai indispensabile elettrodomestico non è sorgente di inquinamento all'interno dell'abitazione ma, normalmente, nel circuito di raffreddamento sono presenti gli ormai tristemente famosi clorofluorocarburi (CFC) che riducono la fascia protettiva d'ozono.
Si raccomanda particolare cura nello smaltimento di questo elettrodomestico presso appositi centri di raccolta.


La lavastoviglie

Ricordiamoci che sono in commercio lavastoviglie che, grazie alla tecnologia, consentono di ridurre del 50% il consumo di detersivo e del 20% quello di acqua, consentendo un notevole risparmio energetico e, di conseguenza, anche economico.


I detersivi

I detersivi contengono composti volatili responsabili di un buon 40% dell'inquinamento domestico.
Teniamo presente che più un prodotto è aggressivo contro lo sporco e più, normalmente, risulta aggressivo anche per la nostra salute.
Attenzione poi all'utilizzo di prodotti spray od ai nebulizzatori in quanto molte particelle vengono inevitabilmente inalate.
Oggigiorno sono in commercio detersivi - anche per lavastoviglie - completamente biodegradabili e senza fosfati con un prezzo più che ragionevole che, oltre a ridurre al minimo l'impatto ambientale, non hanno effetti negativi sulla nostra salute.

torna a inizio pagina